Post(s) tagged with "Albania"

unaltroinutile:

Resistenze

Alessio Spataro

I’ll try to explain this comic which portraits more or less one century of Italian history:

1) Resisting to the oppressor:

- Mussolini (the main pig) conduct State and paramilitar repression of anti-fascism (squadrismomurdering of MP Giacomo Matteotti; persecution to death in Italy and abroad of single personalities such as liberal Piero Gobetti or Socialist brothers Carlo and Nello Rossellifoundation of the secret police OVRA)

- Fascist war waging in 1920s-1945 (genocide of Libyan people 1930-31, invasion of Abyssinian empire 1935-36, military support to the Spanish nationalists 1936-39, invasion of the Kingdom of Albania 1939, treasonable invasion of France 1940, persecution of Italian Jews [Video], invasion of Greece 1940-41, aggression of the Yugoslavian Kingdom 1941 and invasion of Slovenia and Montenegro, intervention in the invasion of Ussr 1942, foundation of a nazi puppet-State in Northern Italy 1943). May be I forgot something;

RESISTENZA: spontaneous resistance movements 08/09/1943-25/04/1945 (Naples, Romepartisans republic in Central and Northern Italy valleys)

- Mussolini is killed [it is controversial whether by partisans or by English secret services MI5] and on 29/04/45 hung in Milan (at Piazzale Loreto) and exposed to the public wrath (in the same place the year before Fascists hung 14 partisans).

- After the war armed people starts executions of well-known members of the dissolved PNF (National Fascist Party), particularly in the regions of Tuscany and Emilia Romagna (this would have been a sort of revolutionary justice uprising in memory of the war suffering and of the countless massacres perpetrated in the villages -such as Marzabotto and Sant’Anna di Stazzema- on the Appenines mountains by nazi-fascist squadrons in the last year of war)

2) Resisting to a public officer:

- Palmiro Togliatti (the frog-like executive), General Secretary of the PCI (Italian Comunist Party), doubtless under the direction of Stalin, as Minister of Justice in the post-war governments conceded a general amnesty for common crimes and for those of the former fascists and colaborationists as well, including for blood crimes.

- Between the late 40s and the 50s right-wing governments hegemonized by the Catholic Democratic Party (DC) and led by Alcide De Gasperi (the predaceous vulture) and then by former Interior Minister Mario Scelba (the policepig, I guess) repressed left-wing workers movements through a new and more organized police jeep-riding commandos; they strenghtened ties with Us covered operations in Europe (Scelba create an hidden insurgent force, GLADIO, to fight communist menace) and was started the political cooperation with MAFIA in Sicily (beginning with Portella della Ginestra Massacre, 1947)

3) Passive Resistance:

- Banned by the Catholic Church in 1949 (as an atheist organization) and out marched Soviet instructions (after Hungarian repression in 1956), PCI was the most relevant structure available for the Italian working class in the 50s/60s but, unable to gain the majority in general elections and gave up revolutionarism of the early 20s, it became a huge self-centered political organism, an impossible alternative in a world splitted by the two superpowers.

- Until the end of the impressive Italian post-war economic growth working conditions became harsher and harsher: production chain and heavy industrial plantations changed Italian society and urban social structures (with a biblical internal migration from rural south to the northern cities). Working class became cohesive and self-organized, able to fight and to obtain historical successes (Hot Autumn strikes,1969-70, led to a national contract for all steel workers)

- To smash Italian social cohesion and prevent the expansion of left parties, right-wing forces, economic powers and high ranking members of police and army adopted the so called Strategy of tension, a continuous succession of terrorist acts targeting civilians (lasting from Piazza Fontana Bombing in Milan in 1969 to Bologna Massacre in 1980) that boosted the armed confrontation between far-right wing and far-left wing (Years of Lead).

 4) Resist to temptetions:

- With the end of Cold War communism appeared historically discredited to the Western societies. Nonethless, in the hiatus of Italian politics due to an unheard-of corruption trial (named Tangentopoli), an event that wiped off the two main players, DC and PSI (Italian Socialist Party), from the Parliament, PCI in his reincarnation named PDS (Left Democratic Party) appeared able to gain the so longed power but in 1994 the main Italian media tycoon, Silvio Berlusconi, managed to seize the power (with the alliance of a newborn separatist racist party, Lega Nord). Berlusconi affected Italian politics in the last twenty years, even if he didn’t rule continuously.

- War intervention was anew part of national discourses in the form of “peace intervention” (Kossovo 1999, Afghanistan 2001-, Iraq 2003-2011, Libya 2011) or peacekeeping (Somalia, Bosnia-Hercegovina, Lebanon)

- Left wing policies focus now essentially on civil rights and peace while State repression appears on the basis of protection of public order (see 2001 G8 Genoa summit police violence). This is, anyway, a global tendency nowadays.

Source: facebook.com

«Gli Albanesi esagerano sempre i pericoli che li minacciano», disse il prete.
«Eppure c’è una cosa che non mi spiego: perché non si sono accaniti contro di noi dopo la capitolazione. Hanno fatto, anzi, il contrario: hanno protetto le nostre povere truppe contro i nostri ex alleati che passavano per le armi i nostri uomini appena riuscivano a metter le mani su di loro. Si ricorda?»
«Sì, mi ricordo», disse il prete.
«Esiste anche un documento al riguardo», riprese il generale. «Mi riferisco all’appello che i partigiani lanciarono al popolo albanese al momento della nostra capitolazione. Lo invitavano a non lasciar morire di fame i nostri soldati che a decine di migliaia vagavano come mendicanti cenciosi per le strade d’Albania.Ho letto coi miei occhi quell’appello e mi è sempre parso un enigma. Che cosa ha potuto indurli a comportarsi così, loro che si detestavano tanto?»

- Ismail Kadaré, Il generale dell’armata morta, Longanesi, 2010 (ed. or. 1970) pp.111-12

Albania il paese di fronte (regia Roland Sejko, Mauro Brescia; produzione Ist. L.U.C.E. con il contributo della Regione Lazio; 2008)

Documentario piuttosto celebrativo del ventennio fascista, come sempre accade a queste produzioni L.U.C.E. infarcite di musichette d’epoca e delle sole immagini ufficiali del regime. Non allo stesso modo per l’epoca del comunismo stalinista, tratteggiata giustamente con i toni più cupi possibili. Nel complesso un’opera da vedere per sapere qualcosa in più su un Paese vicinissimo eppure pressoché sconosciuto. 

La mia webcam fa davvero schifo, comunque ieri ho comprato:
Ismail Kadaré, Il generale dell’armata morta, Longanesi
(Sullo sfondo una mappa dell’Albania del 1940 adoperata nelle operazioni di guerra e per puro caso venuta in mio possesso)

La mia webcam fa davvero schifo, comunque ieri ho comprato:

Ismail Kadaré, Il generale dell’armata morta, Longanesi

(Sullo sfondo una mappa dell’Albania del 1940 adoperata nelle operazioni di guerra e per puro caso venuta in mio possesso)

luzfosca:

Nikos Economopoulos
The Central Railway station, Albania, Tirana, 1991
Thanks to firsttimeuser

luzfosca:

Nikos Economopoulos

The Central Railway station, Albania, Tirana, 1991

Thanks to firsttimeuser

Source: firsttimeuser

contemplatingcaptain:

This is a picture I took of the bust of Skanderbeg at a memorial to him in Lezhe, Albania.
Skanderbeg (1405-1468), born Gjergj Kastrioti, was taken by the Ottoman Sultan to serve in the Janissaries when he was a child, after Albania was conquered by the Ottoman Empire.  He was nicknamed Iskander (Alexander in Turkish) and eventually reached the rank of bey (general).  He was therefore called  Iskander-bey, or Skanderbeg to the Albanians.  In 1443, after serving the Ottomans for most of his life, he inexplicably chose to abandon his army and led an effort to liberate Albania, uniting the fractious nobility and beginning a war against Turks.  From 1443 to his death in 1468, he lost only two battles, and effectively stopped the Ottoman advance though Eastern Europe.  After his death, Albania was conquered again by the Turks, and would not regain its full independence until the end of World War I in 1918.  
I’m kind of obsessed with him.  Just sayin’.

contemplatingcaptain:

This is a picture I took of the bust of Skanderbeg at a memorial to him in Lezhe, Albania.

Skanderbeg (1405-1468), born Gjergj Kastrioti, was taken by the Ottoman Sultan to serve in the Janissaries when he was a child, after Albania was conquered by the Ottoman Empire.  He was nicknamed Iskander (Alexander in Turkish) and eventually reached the rank of bey (general).  He was therefore called  Iskander-bey, or Skanderbeg to the Albanians.  In 1443, after serving the Ottomans for most of his life, he inexplicably chose to abandon his army and led an effort to liberate Albania, uniting the fractious nobility and beginning a war against Turks.  From 1443 to his death in 1468, he lost only two battles, and effectively stopped the Ottoman advance though Eastern Europe.  After his death, Albania was conquered again by the Turks, and would not regain its full independence until the end of World War I in 1918.  

I’m kind of obsessed with him.  Just sayin’.

Source: contemplatingcaptain

fyeaheasterneurope:

Korçë, Albania.

fyeaheasterneurope:

Korçë, Albania.

Source: fyeaheasterneurope

yj3t:

chronicles-of-illyria:

I miss my country so much </3

;A;

This looks like the typical nationalist product of an eastern Europe country; it’s sad for me to see this commingling of politic issues, sport and culture in a country so close to me, Albania is just over the sea I see by my window and I know some Albanian good people who had hard times. I hope all Balkan states will overcome their political conflicts and join as soon as possible the European Union.

Source: queen-of-love-and-beauty

Source: languagesoflove

Laika

Laika

Source: vostok5

"Freddo, caldo, malati, lavoro o no, si deve stare in fila pazienti e obbedienti. Meglio non fare domande, perché la gente di qui è stanca di queste code che non portano niente di buono. Qualche giovane carabiniere gironzola attorno. Sta recuperando le ragazze carine. Gli Italiani hanno un animo sensibile, la bellezza non li lascia indifferenti. La bellezza non deve patire. La natura stessa è stata gentile con la bella creatura, come può l’uomo non inchinarsi? Così le più graziose sono estratte dalla massa degli scoraggiati e smettono di fare la fila. Il carabiniere offre loro un caffè oppure si fuma una sigaretta assieme, si parla del più e del meno, si chiede il numero di telefono, poi la ragazza può andare dritta allo sportello dei permessi di soggiorno. Brucia la fila. Io sono stata una di quelle ragazze. Quel giorno portavo a tracolla la borsa di un’agenzia di modelle. Il nome dell’agenzia era scritto in bianco sparato sulla tela nera: «Flash model management» ed era (è) la garanzia di un sogno.

Facevo la fila da quasi mezz’ora prima di essere recuperata da un gentile carabiniere. Uno dal viso di burro. - Vieni qui, - mi dice. Vado, lascio dietro di me la folla dei disperati, dei vecchi, dei disgraziati: io, perché sono giovane e piacente e di sicuro perché ho questa borsa a tracolla, sono già nel vasto atrio della Questura. Qui fa caldo e si sta bene. La vita, allora! Daniele mi offre un caffè istantaneo. Lo prendo.

La fila mi segue con lo sguardo, odiandomi.

Mi uccisero. Incassai le loro parole mute.”

Ornela Vorpsi, La mano che non mordi, Einaudi, 2007, pag.63 (Corsivi dell’autrice)

fuckyeahkosova:

Gjergj Kastrioti- Skenderbeu
One of the Albanian Heros

fuckyeahkosova:

Gjergj Kastrioti- Skenderbeu

One of the Albanian Heros

misantropo:

Albania: nessuno vi dice un cazzo. Allora io approfitto dell’insonnia e vado a spulciarmi gugol niùs. In Albania si menano e la situazione è tesa per le elezioni che si terranno l’8 Maggio. L’OCSE “si augura che ci siano libere elezioni”, il che significa che molto probabilmente non ci saranno, ma niente paura! Si sta procedendo con le privatizzazioni e le banche fanno il +89% di profitti, con tanti complimenti dall’Unione Europea.
Algeria: ci sono ancora proteste, ma questa analisi del Washington Post dipinge una situazione molto, troppo simile alla nostra… movimenti scollegati tra loro che non riescono a fare fronte comune. Quest’altra analisi invece pone l’accento sul trauma e sul bisogno di pace dopo tanti anni di guerra civile. Al-Jazeera ha una timeline delle proteste.
Arabia Saudita: continuano le proteste. Per i diritti umani, per i salari bassi, ma soprattutto da parte di shiiti che protestano contro l’intervento in Bahrein
Bahrein: un membro importante dell’opposizione è morto mentre era in custodia della polizia.
Egitto: Mubarak finisce in ospedale per un malore. Esattamente com’era successo a Ben Ali. Vediamo quanto dura. Nel frattempo, un blogger 26enne è stato condannato a 3 anni di galera da un tribunale militare per un post in cui diceva che l’esercito ed il popolo non erano mai stati veramente uniti. L’hanno accontentato subito, visto?
Emirati Arabi (U.A.E. in mappa): arrestati due attivisti (uno dei quali è un professore alla sede della Sorbona in Abu Dhabi) che chiedevano riforme costituzionali. Nel frattempo erano state prese misure economiche per ingraziarsi la popolazione, vedremo se funzioneranno.
Giordania: continuano le proteste. Qualche giorno fa c’è scappato il primo morto (e 120 feriti, diciamo che non sparavano in aria).
Grecia: i sindacati organizzano uno sciopero per Maggio. Devono avere infiltrati sindacalisti italiani… poveracci.
Iran: continuano le proteste. Contro il governo, ma anche a favore del Bahrein (e contro l’intervento saudita nel paese)
Iraq: c’è la guerra. Da 10 anni. Per abbattere il tiranno Saddam e portare la democrazia. Non gli è garbato molto che siamo andati lì a portargli sta fantomatica democrazia dentro le bombe.
Kuwait: il governo si è dimesso in massa, ma è stato rinominato lo stesso primo ministro. Le proteste sono soprattutto a carattere religioso tra sciiti e sunniti, ma ci sono anche i “beduini” che reclamano la nazionalità. Nel frattempo, la marina è diretta in Bahrein.
Libano: la situazione è tesa da Gennaio. La stampa ‘mmeregana sembra cominciare a fare campagna per proteste anche in Libano (turisti rapiti, stop all’esportazione di armi).
Libia: in Libia c’è la guerra. Ops, scusate, volevo dire che è in corso una missione di pace.
Marocco: la BBC scrive che le proteste sono ormai roba di tutti i giorni. Beati loro.
Oman: continuano le proteste e, purtroppo, i morti.
Costa d’Avorio: la situazione è incasinata. Non stanno protestando per la democrazia, ma per i risultati delle elezioni. Leggetevi un po’ di roba e fatevi un’idea, che io son distrutto.
Palestina: le Nazioni Unite dicono che la Palestina è in grado di governarsi da sola
Siria: si continua allegramente a sparare sui manifestanti. Bloomberg titola “la Siria giura di schiacciare i manifestanti”. Ottimo.
Swaziland (non in mappa): proteste contro il Re, monarca assoluto che ha bandito i partiti e le elezioni da 38 anni.
Yemen: a migliaia hanno protestato contro una proposta di chiudere la crisi garantendo, però, l’immunità al presidente Saleh (mi ricorda qualcuno).

misantropo:

Albania: nessuno vi dice un cazzo. Allora io approfitto dell’insonnia e vado a spulciarmi gugol niùs. In Albania si menano e la situazione è tesa per le elezioni che si terranno l’8 Maggio. L’OCSE “si augura che ci siano libere elezioni”, il che significa che molto probabilmente non ci saranno, ma niente paura! Si sta procedendo con le privatizzazioni e le banche fanno il +89% di profitti, con tanti complimenti dall’Unione Europea.

Algeria: ci sono ancora proteste, ma questa analisi del Washington Post dipinge una situazione molto, troppo simile alla nostra… movimenti scollegati tra loro che non riescono a fare fronte comune. Quest’altra analisi invece pone l’accento sul trauma e sul bisogno di pace dopo tanti anni di guerra civile. Al-Jazeera ha una timeline delle proteste.

Arabia Saudita: continuano le proteste. Per i diritti umani, per i salari bassi, ma soprattutto da parte di shiiti che protestano contro l’intervento in Bahrein

Bahrein: un membro importante dell’opposizione è morto mentre era in custodia della polizia.

Egitto: Mubarak finisce in ospedale per un malore. Esattamente com’era successo a Ben Ali. Vediamo quanto dura. Nel frattempo, un blogger 26enne è stato condannato a 3 anni di galera da un tribunale militare per un post in cui diceva che l’esercito ed il popolo non erano mai stati veramente uniti. L’hanno accontentato subito, visto?

Emirati Arabi (U.A.E. in mappa): arrestati due attivisti (uno dei quali è un professore alla sede della Sorbona in Abu Dhabi) che chiedevano riforme costituzionali. Nel frattempo erano state prese misure economiche per ingraziarsi la popolazione, vedremo se funzioneranno.

Giordania: continuano le proteste. Qualche giorno fa c’è scappato il primo morto (e 120 feriti, diciamo che non sparavano in aria).

Grecia: i sindacati organizzano uno sciopero per Maggio. Devono avere infiltrati sindacalisti italiani… poveracci.

Iran: continuano le proteste. Contro il governo, ma anche a favore del Bahrein (e contro l’intervento saudita nel paese)

Iraq: c’è la guerra. Da 10 anni. Per abbattere il tiranno Saddam e portare la democrazia. Non gli è garbato molto che siamo andati lì a portargli sta fantomatica democrazia dentro le bombe.

Kuwait: il governo si è dimesso in massa, ma è stato rinominato lo stesso primo ministro. Le proteste sono soprattutto a carattere religioso tra sciiti e sunniti, ma ci sono anche i “beduini” che reclamano la nazionalità. Nel frattempo, la marina è diretta in Bahrein.

Libano: la situazione è tesa da Gennaio. La stampa ‘mmeregana sembra cominciare a fare campagna per proteste anche in Libano (turisti rapiti, stop all’esportazione di armi).

Libia: in Libia c’è la guerra. Ops, scusate, volevo dire che è in corso una missione di pace.

Marocco: la BBC scrive che le proteste sono ormai roba di tutti i giorni. Beati loro.

Oman: continuano le proteste e, purtroppo, i morti.

Costa d’Avorio: la situazione è incasinata. Non stanno protestando per la democrazia, ma per i risultati delle elezioni. Leggetevi un po’ di roba e fatevi un’idea, che io son distrutto.

Palestina: le Nazioni Unite dicono che la Palestina è in grado di governarsi da sola

Siria: si continua allegramente a sparare sui manifestanti. Bloomberg titola “la Siria giura di schiacciare i manifestanti”. Ottimo.

Swaziland (non in mappa): proteste contro il Re, monarca assoluto che ha bandito i partiti e le elezioni da 38 anni.

Yemen: a migliaia hanno protestato contro una proposta di chiudere la crisi garantendo, però, l’immunità al presidente Saleh (mi ricorda qualcuno).

Source: misantropo

eyesblauwardrobe:

I LOVE TIRANA Ladies T-Shirt. This classic baby doll is our best-selling ladies’ top and will turn heads. CLICK HERE
 

DO WANT

eyesblauwardrobe:

I LOVE TIRANA Ladies T-Shirt. This classic baby doll is our best-selling ladies’ top and will turn heads. CLICK HERE

 

DO WANT

Loading more posts

I cannot give a definition about myself. I'm a changing phenomenon like you.

I cannot give a definition about myself. I'm a changing phenomenon like you. 


Ask me anything Submit

Ask

Members

Following